Che il nome di Borna Coric come primo iscritto all’albo d’oro del torneo ATP Challenger 125 di Parma fosse straordinario lo si sapeva, ma l’impresa compiuta nei giorni scorsi dal campione croato supera ogni aspettativa. Il vincitore della prima edizione dell’Emilia-Romagna Tennis Cup, organizzato da Master Group Sport in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna sui campi del Tennis Club President a Montechiarugolo (Parma), ha trionfato nel Master 1000 di Cincinnati, uno dei nove tornei più importanti del circuito mondiale insieme agli Slam. In Ohio Borna è entrato nel tabellone principale grazie al ranking protetto, assegnatogli dopo il lunghissimo stop derivante dal grave infortunio alla spalla, con l’unica aspettativa di proseguire nel suo programma di recupero: tuttavia, turno dopo turno, ha ritrovato sempre più feeling e la vittoria sul numero 2 al mondo Rafael Nadal lo ha improvvisamente catapultato su un’altra prospettiva. Sconfiggere il fenomeno spagnolo ha messo le ali a Coric, che da lì in avanti non ha più perso un set e in finale ha letteralmente surclassato Stefanos Tsitsipas, numero 5 al mondo, con il punteggio di 76 62.
Quella del croato è stata un’impresa storica: nessuno aveva mai vinto un Master 1000 partendo dalla classifica di 152 al mondo, e nessuno era riuscito con un solo torneo a compiere un balzo così importante e a riportarsi addirittura tra i primi 30 tennisti del ranking ATP. I momenti bui sono ormai alle spalle, e Coric è riuscito a fare meglio del periodo pre-infortunio, quando nel 2018 raggiunse una finale nel Master 1000 di Shanghai senza riuscire ad andare a segno. Fa immensamente piacere che la sua seconda vita sportiva sia ripartita da Parma, appena tre mesi fa, quando il suo successo sui campi del President gli fece capire di poter tornare protagonista ai massimi livelli del circuito mondiale…

(Foto: Ray Giubilo)

Condividi questo post su: